• 06 9060151
  • info@cfmetalli.com

Archivio dei tag compilazione FIR

Formulario Identificativo Rifiuti, mini-guida all’uso… (2)

La nostra mini-guida “for dummies”…

Continuiamo, con questa serie di post: cominciamo a compilare il FIR.

Innanzitutto, in cima, si deve riportare la DATA DI EMISSIONE del formulario, che può essere precedente, a quella del viaggio da effettuare; capita, ad esempio, che il FIR venga compilato il giorno prima, o una settimana prima, di effettuare il ritiro. La data emissione è, quindi, la data nella quale predisponiamo il viaggio e compiliamo il FIR.

A destra, c’è il numero del FIR che è elemento che distingue univocamente il viaggio effettuato, con tutto quanto ne consegue dal punto di vista amministrativo, contabile, etc. Il “numero registro”, serve per quanti sono tenuti a gestire il libro di Carico/Scarico rifiuti, che debbono numerare e registrare tutti i FIR eseguiti (meglio non addentrarci sul tema)… Le piccole aziende, non sono interessate e sono le prime destinatarie di questa serie di post…

La stragrande maggioranza di chi trasporta i rifiuti, lo fa in “conto proprio”, è il caso delle aziende che, nell’esercizio del proprio lavoro, producono presso terzi, che siano cantieri pubblici o privati, rifiuti. In questo caso, al campo 1, andranno quindi i dati dell’Azienda.

Nel primo rigo, a fianco della denominazione sociale, va riportata la sede legale del produttore; nel rigo successivo (unità locale), va invece riportato il luogo dove il rifiuto è stato prodotto e ritirato, con tutti i riferimenti utili per descrivere il luogo. Es. Cantiere Eur, via tal dei tali; presso Centrale Enel, via pinco pallino e così via…

Nel rigo successivo, va indicato il CODICE FISCALE dell’azienda (che nel caso delle Aziende più recenti, coincide sempre con la Partita Iva).

Per chi trasporta in conto terzi, ovviamente, in questo caso vanno riportati i dati del produttore, proprietario quindi dei rifiuti da lui prodotti.

Non approfondiamo il tema produttori, qua, siamo a sintetizzare al massimo le questioni.

Una cosa va chiarita, fin da subito, NON FATE CORREZIONI o pastrocchi; se sbagliate, chiariremo nelle fasi successive, cosa fare.

Prosegue (3)

 

Formulario Identificativo Rifiuti, mini-guida all’uso… (1)

La nostra mini-guida “for dummies”…

La premessa minima a questa mini-guida è che non possiamo dire tutto, su questo fondamentale documento che interessa chiunque produca, trasporti, intermedi o riceva rifiuti.

Si è reso indispensabile pubblicare i post seguenti, vista la situazione generale di quanto osserviamo quotidianamente, rilevando errori, omissioni e interpretazioni, clamorosamente sbagliate…

Insomma, notizie minime per quanti sono proprio negati nell’approcciare il FIR, o per chi comincia, sono vitali.

Il FIR è composto di 4 fogli…

FIR (Formulario Identificativo Rifiuti)

Il formulario, è composto di 4 fogli; non tutti i produttori del documento specificano di lato la pertinenza dei fogli degli stessi; quindi, la prima cosa da chiarire, definitivamente, è a chi debbono andare le varie copie.

Intanto, mettete sempre il cartoncino, prima di compilare, dopo il quarto foglio, altrimenti inficiate i FIR successivi…

Foglio 1 – Ovvero quello dove scrivete, è di pertinenza del PRODUTTORE. Prima di partire, va staccato e lasciato al produttore; se siete sempre voi, staccatelo per non confondervi e lasciatelo, ad esempio, presso il cantiere dove state operando… Solo su questo foglio, generalmente, vanno riportate (come vedremo avanti e nel campo annotazioni), le eventuali correzioni…

Foglio 2 – Il secondo foglio è di pertinenza del DESTINATARIO,(ovviamente Autorizzato a trattare rifiuti) ovvero, dell’impianto che riceve i rifiuti.

Foglio 3 – Di pertinenza del TRASPORTATORE (ovviamente autorizzato ed iscritto all’ANGA)…

Foglio 4 – Foglio che deve tornare al produttore, con il timbro di accettazione del destinatario.

La legge, non definisce la distinzione di pertinenza in base al colore dei foglio (il primo è blu, il secondo verde, il terzo rosso, l’ultimo grigio); quindi spesso si può fare confusione tra il foglio 2 e 3. E’ indifferente, quindi se rilasciate l’una o l’altra; generalmente, la verde è dell’impianto e la rossa per il trasportatore.

Ovviamente, il “librone” dei FIR, va vidimato !!! Chi trasporta rifiuti, DEVE essere iscritto all’Albo Nazionale Gestori Ambientali; poi ha titolo per comprare i formulari presso i centri autorizzati. Successivamente, occorre vidimare questi libri, generalmente, presso la Camera di Commercio o l’Agenzia delle Entrate.

Prosegue (2)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...