• 06 9060151
  • info@cfmetalli.com

Category ArchiveMetalli

L’alluminio, cenni storici…

L’alluminio, simbolo Al, è l’elemento chimico di numero atomico 13.

Si tratta di un metallo duttile color argento. L’alluminio si estrae principalmente dai minerali di bauxite ed è notevole la sua morbidezza, la sua leggerezza e la sua resistenza all’ossidazione, dovuta alla formazione di un sottilissimo strato di ossido che impedisce all’ossigeno di corrodere il metallo sottostante.

L’alluminio grezzo viene lavorato tramite diversi processi di produzione industriale, quali ad esempio la fusione, la forgiatura o lo stampaggio.

Viene usato in molte industrie per la fabbricazione di milioni di prodotti diversi ed è molto importante per l’economia mondiale. Componenti strutturali fatti in alluminio sono vitali per l’industria aerospaziale e molto importanti in altri campi dei trasporti e delle costruzioni nei quali leggerezza, durata e resistenza sono necessarie.

Gli antichi greci e romani usavano l’allume che era prodotto dalla lavorazione dell’alunite, un solfato d’alluminio che si trova in natura.

L’allume era fondamentale nell’industria tessile come fissatore per colori, per le stampe su pergamena, per la concia delle pelli, la produzione del vetro e, come emostatico, per curare le ferite.

Nel 1761 Guyton de Morveau propose di chiamare l’alluminio base, allumina.

Il metallo fu identificato per la prima volta da H.Davy, nell’allume, però non riuscì ad isolarlo, propose pertanto il nome alumium (dal Latino alumen, alum, sale amaro), poi modificato in aluminium, quindi in alluminio.

La statua di Anteros come angelo della carità cristiana in Piccadilly Circus a Londra (1893), è una delle prime statue in alluminio, allora considerato metallo prezioso.

Il primo scienziato ad isolare, in forma impura, il metallo fu H. C. Ørsted sfruttando la reazione tra l’amalgama di potassio ed AlCl3 ; Friedrich Wöhler è generalmente accreditato per aver isolato l’alluminio in forma massiva, nel 1827, migliorando il metodo di Ørsted.

Henri Sainte-Claire Deville introdusse il metodo di riduzione diretta del metallo, per via elettrolitica a partire da NaAlCl4 fuso, processo studiato in modo indipendente pure da Bunsen.

L’invenzione del processo di Hall-Héroult nel 1886, ovvero elettrolisi di allumina disciolta in criolite (NaAlF4) rese economica l’estrazione dell’alluminio dai minerali, ed è comunemente in uso in tutto il mondo.

Ciò che un tempo era raro e prezioso, divenne accessibile e quindi largamente utilizzato.

Fonte: Vikipedia

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...